LA MUSICA DEL NUOVO MILLENNIO

Songs for the Deaf, ti dice niente?

American Idiot?

Kid A?

E nemmeno Is this it?

 

Questi sono solo alcuni degli album memorabili scritti nel corso del nuovo millennio.

E sono sicuro che anche tu ti stavi chiedendo : “ma dopo gli anni 90, che cosa c’è stato di così importante e rivoluzionario nel mondo musica?”

Bè forse non possiamo parlare di una vera e propria rivoluzione. Ma sicuramente di una evoluzione.

In quasi tutti i generi.

Pensa per esempio al rock dei White Stripes, che hanno sapientemente miscelato il folk ed il garage degli anni 60 per creare un nuovo sound inconfondibile.

O ad una delle band più interessanti attualmente in circolazione, i Queens of the stone age, che sono riusciti a portare al successo un genere quasi di nicchia come lo Stoner (e che soprattutto hanno mostrato ancora una volta i veri attributi del rock, con un album incendiario, da lasciare senza fiato).

E l’evoluzione ha fatto parte anche di un nuovo modo di ascoltare la musica, di recuperare, di conoscere la musica. Sono stati anni stranissimi per questo mondo, che ha perso un po’ del suo appeal artistico, per diventare un po’ di più fenomeno di consumo.

Prima Internet con il download, poi i vari portali nati successivamente per lo streaming musicale, hanno permesso a tutti di avere tutto a portata di mano (o di smartphone).

E concordo che questo possa solo essere un ottimo strumento, se utilizzato correttamente.

Dall’altra parte ha però fatto perdere un po’ la magia di comprare un disco, di assaporarlo, di ascoltarlo bene, di affezionarsi ad una canzone o semplicemente ad un arpeggio ad un acuto, ad una nota messa proprio lì, in quel momento.

E questo per chi ama la musica, è una dato oggettivo.

Tanto è vero che per i romantico-nostalgici come noi è riesplosa la vinyl-mania, per fare 2 passi indietro e tornare ancora ad ascoltare la musica dall’inizio alla fine, senza saltare da una parte all’altra.

E’ per questo che si fanno gli album, non solo i singoli.

E di album meravigliosi ce ne sono stati tanti, anche dopo il 1999.

Senti qui.

 


Ti è piaciuto il post? Condividilo e seguimi su Spotify, Facebook, Twitter…A te un click non costa nulla, a me invece fa molto piacere sapere che hai apprezzato; vado in brodo di giuggiole 😉

Grazie amico mio.